martedì 26 giugno 2012

Costa blog tour: Aix-en-Provence ed Avignon



Stamattina ci tocca svegliarci presto, come spesso ci capita in vacanza. La sera si fa un po' più tardi, ma non vogliamo perderci niente, si recupererà al ritorno (o almeno lo si spera...).
Per guadagnare qualche minuto, la sera prima, abbiamo lasciato la richiesta della colazione in cabina appesa alla maniglia esterna della porta della cabina. Puntualissima arriva la nostra colazione, tra scene di panico, gente che si richiude in bagno o scappa fuori dal balconcino. Ok, non è andata proprio così, ma mi piaceva l'idea. C'è di tutto e di più, alcune cose ordinate arrivano doppie, ce n'è per un reggimento. Scendiamo a terra appena possibile, ci aspetta l'autobus che ci scarrozzerà in giro per questa parte di Provenza. Lasciata alle spalle Marsiglia e dall'altra parte della carreggiata il traffico mattutino per raggiungerla, puntiamo diritti verso Aix-en-Provence. Per quanto sia una cittadina piuttosto grande (150.000 persone), la troviamo molto tranquilla. Il centro è ordinato e non si vedono troppe macchine in giro. Pensiamo ci sia l'isola pedonale ed invece non c'è.
Seguiamo la nostra guida, Carmelo, che dopo un'accurata descrizione di questi posti già sull'autobus, ci porta alla scoperta delle chiese, della torre civica, dei palazi principali e delle piazze della cittadine. Le sue descrizioni sono sempre molto particolareggiate e ricche di informazioni e curiosità. Ci fa vedere la casa natale di Cezanne ed il cappelificio del padre. Ci lascia del tempo libero che sfruttiamo girando per il centro in libertà prima di ritrovarci tutti quanti per pranzo alla Bastide du cours, sul corso Mirabeau, il corso principale della cittadina. Tra una chiacchera e l'altra degustando i piatti locali, il tempo passa. E' ora di raggiungere Avignone.






























 All'arrivo ammiriamo quello che resta del ponte che collegava le due sponde del Rodano. Una aiuola coltivata a lavanda, che in questo periodo è in fiore, fa da sfondo perfetto. Da qui entriamo nel centro storico, ci inerpichiamo per i vicoletti prima di arrivare all'attrazione principale della città, vale a dire il Palazzo dei Papi. La struttura è davvero imponente, le uniche sale rimaste ancora affrescate ci fanno solo immaginare lo splendore che doveva essere. Terminata la visita del Palazzo, andiamo a scoprire altri scorci della cittadina e ne approfittiamo per un po' di shopping prima di fare ritorno al bus.












Arriviamo alla nave che ci attende in porto in perfetto orario, abbiamo sfruttato pienamente la giornata. Anche stavolta aspettiamo la partenza dal ponte 9 prima di tornare in cabina a prepararci per la cena. Stasera è la serata di gala. Ma prima della cena ci attende un altro incontro. Il Comandante che per impegni non ci aveva potuto ricevere durante il nostro giro nel dietro le quinte, ci ha infatti invitati ad un incontro personale. L'ora che ci ha concesso è stata una delle più belle della crociera, è stato molto disponibile, ha risposto a tutte le nostre curiosità, in un clima rilassato e piacevole, il tutto accompagnato da un aperitivo dolce e salato e un cocktail. Stasera ci sarebbe anche la partita dell'Italia, la nave è attrezzatissima anche per questo. Sono state allestite delle aree apposite. Preferiamo però non perderci la nostra serata di gala, pur tenendoci sempre informati sul risultato.
Prima di andarci a coricare lasciamo la nostra valigia all'esterno della cabina. Come all'inizio del viaggio l'abbiamo consegnata all'arrivo al Palacrociere e l'abbiamo ritrovata direttamente in cabina, la troveremo l'indomani mattina allo sbarco, senza dovercene preoccupare. Anche sotto questo punto di vista l'organizzazione della crociera è impeccabile.
Allo sbarco (un po' forzato, di scendere dalla nave e di tornare alla vita di tutti i giorni non c'è tanta voglia), seguito alla colazione, ci attende la navetta che ci riporterà a Genova dove abbiamo l'aereo per Napoli. Salutiamo tutti i ragazzi sperando che sia solo un arrivederci.

Ho anche realizzato un video con le foto di questo viaggio. Lo potete visualizzare cliccando sulla scritta qui sotto:






Voglio concludere questo diario di viaggio con dei ringraziamentei che non sono di circostanza, ma davvero sentiti.
Innanzitutto i ragazzi di Ambito 5. Paola prima di tutti con cui abbiamo avuto i primi contatti e che ha avuto la pazienza di aspettare che risolvessimo i nostri contrattempi personali. Monica che ci ha accolti col suo sorriso e la sua dolcezza già all'aeroporto di Genova e che ci ha accompagnati per tutto il viaggio, assieme a Federico della Costa, che è stato il nostro punto di riferimento, al quale ci siamo potuti rivolgere in qualunque momento, per qualsiasi cosa, oltre ad Arianna e Massimiliano.
Ringraziamo lo staff di bordo di Costa che è stato disponibilissimo col nostro gruppo di blogger. Tutti ci hanno dato l'impressione di essere entusiasti del loro lavoro e di farlo bene proprio per questo.
Infine, ovviamente, ringraziamo la Costa che ci ha ospitati. Speriamo di rivivere presto l'esperienza di una crociera.



Fabio

LINK ALLA PRIMA PARTE
LINK ALLA SECONDA PARTE

13 commenti:

  1. Che meraviglia!!! Ho sognato guardando queste foto...ed anche provato un po' di invidia... :))
    L'invidia però passa subito...ed ora faccio continuare il sogno guardandomi il video!!
    Buona giornata!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai attenta che l'effetto vasca da bagno è in agguato ahahah
      Grazie per la visita. :-)
      Fabio

      Elimina
  2. Ci sono stata e mi sono piaciute molto, bello rivederle! :-)

    RispondiElimina
  3. C'è una bellissima atmosfera in questi posti!
    Mi fa piacere averteli riportati alla memoria.
    Fabio

    RispondiElimina
  4. Ci siamo stati a fine settembre, posti bellissimi e cibo ottimo...
    Buona notte
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per noi è stato solo un assaggio, speriamo di tornarci presto per approfondire tutti gli aspetti.
      Fabio

      Elimina
  5. Capisco benissimo quello che avete provato dovendo scendere dalla nave. Un lieve senso di panico " e adesso?" e sempre difficile tornare alla realtà dopo una vacanza, ma lo e' di piu dopo una crociera, dove il tuo mondo diventa subito riconoscibile ed affascinante. Viaggiare su un hotel 5 stelle che ti. Porta nei luoghi piu belli senza alcuna difficolta', sempre coccolandoti...e' un privilegio unico ed un esperienza da provare, almeno una volta nella vita. Reportage magnifico, foto incantevoli. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  6. Sono dell'idea che la crociera anche se non si confà al proprio modo di viaggiare è comunque un'esperienza da provare, coi suoi pregi e difetti. In ogni caso qualcosa ti resta dentro e la voglia di tornare a farne un'altra in futuro resta.
    Fabio

    RispondiElimina
  7. La prossima volta che passate fate un fischio ! sto a 50 km da Avignone . Aix é bellissima e l'isola pedonale c'é , non molto grande forse :giusto a fianco del Cours Mirabeau .Lo so perché dovevo fare una cena e ho dovuto prendere un taxi per fare 300 m ( ma non ce la facevo a trasportare tutto a mano ).Baci dalla Provenza !

    RispondiElimina
  8. A saperlo, ti avremmo avvisata. Ma stai tranquilla che torneremo per approfondire la visita di questa bellissima regione.
    Vero, nei dintorni del corso Mirabeau c'è! L'avevamo chiesto in un'altra zona, tranquillissima nonostante non ci fosse l'isola pedonale.
    A presto!
    Fabio

    RispondiElimina
  9. Bellissime tutte le tappe del vostro viaggio, che ho seguito con invidia. Questa, però, è quella che mi lascia un poco l'amaro in bocca. Ci passai, da Avignone, una quindicina di anni fa, in camper. Quest'anno bramavo visitare di nuovo la Provenza ma il Martirio vuole fare RELAX al Mare... uffi!!!! Mi sa che tento di portarlo dalla mia parte!
    Le tue foto sono spettacolari, come sempre e come NON MI RIUSCIRANNO MAIIII!
    Un abbraccio ai viaggiatori.
    Nora

    RispondiElimina
  10. Incuriosiscilo con foto e racconti e vedrai che capitolerà!
    Vedrai che piano piano si migliora anche con le foto!
    Grazie mille!
    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tentarlo... sicuramente mi aiuteranno le tue foto.. per il miglioramento... a Milano diciamo: lassa stà! (lascia stare!)
      :-)
      Nora

      Elimina